BAD VISION

EPIX MONDADORI

Comprende due romanzi brevi.
Il legame tra i due romanzi è “la morte del sabato sera”. Come scrisse il grande Ceronetti, al sabato notte “si celebra un rito i cui il Dio si manifesta in forma di Suono, la forma più primitiva e più tremenda di tutte, il più oscuro flagello epidemico, il meno afferrato come tale...”.
Tranquilli, è fantasia...
Oppure non lo è?
 

 

 
 
   
 

BLOODY HELL

Damien Edizioni

La linea sottile e invisibile che separa il bene dal male e che unisce la vita terrena con quella dell’aldilà, viene variamente tratteggiata in queste tredici storie (scritte da quattordici diversi autori), tutte introdotte da un oscuro e misterioso dialogo che intercorre tra un’austera voce narrante e quella titubante di una malcapitata interlocutrice...  

 

 
 
   
 

ARCHETIPI

XII Edizioni 2009

JAY.rtf è il titolo del racconto contenuto nella spettacolare antologia “ARCHETIPI” edita dalle Edizioni XII e facente parte di un ampio progetto battezzato “Camera oscura”. Curata da Luigi Acerbi e da Daniele Bonfanti, ...  

 

 
 
   
 

RITORNO A
BASSAVILLA

XII Edizioni 2009

Dalla quarta di copertina.
“Verità? Invenzione? Tutte e due, probabilmente. Con un rigoroso filo logico che conduce dall’una all’altra, e le confonde. Danilo Arona è un seminatore di inquietudini, autore di un genere proprio..........
 

 

 
 
   
il mio vizio  una stanza chiusa
bad prisma
Pazuzu
 

"La mia passione per il fantastico è nata, non poteva essere diversamente, al cinema. Complice una mia indimenticabile zia che nutriva un insano amore per il giallo e l'horror e, di nascosto dal marito, trascorreva molti dei suoi pomeriggi al cinema quando si proiettava qualcosa in tema. Io, ragazzino di pochi anni, ero il suo alibi, E così mi vidi, ancor prima di frequentare le elementari, Il mostro della laguna nera, Il figlio di Frankenstein e, quel che più conta, Psycho all'età d'undici anni . II film era vietato, ma, non so come, la zia mi fece entrare. Da allora, al cinema perlomeno, tutto fu diverso, e anche per buona parte della mia vita, soprattutto a proposito di alcune scelte professionali". Così Danilo Arona in una recente intervista a proposito delle sue "origini". Produttore di opere assolutamente personali che si propongono di scandagliate la "Twilight Zone" tra realtà ed immaginario, Danilo è uno dei decani della critica cinematografica italiana specializzata ed ha fatto parte più volte delle giurie internazionali dei Festival dedicati al cinema fantastico. Di lui Daniela Catelli ha scritto: "uno scrittore di talento che dalla provincia, da sempre osservatorio privilegiato di realtà oscure, sembra sia riuscito a trovare la porta segreta che comunica con altre dimensioni"

"Lascia che ti racconti di un posto da
qualche parte su a New York dove la
gente è allegra e passa la notte a ballare.
Tutti si sentono meglio passando la notte a ballare"
Sam Cooke, "Twisting the Night Away"
copyright 2007 Danilo Arona - tutti i diritti riservati